Non solo pizza

Buongiorno amici di ZWIN, oggi siamo nella città reale, Torino accarezzati da un caldissimo sole di Giugno e dalla vivacità che questa città offre. Abbiamo dedicato la mattinata ad una bella passeggiata sul Po passando dal parco del Valentino e poi dal parco Michelotti facendoci coccolare dal rumore dello scorrere del acqua.

Poi attraversando il ponte Regina Margherita che prosegue sul omonimo corso ci siamo diretti verso il centro. Torino è una città facilmente percorribile a piedi, nel raggio di pochi chilometri si ha tutta una serie di punti di interesse passando da piazza Castello a Piazza San Carlo circondati poi dai quartieri quadrilatero Romano e San Salvario. È molto interessante passeggiare lungo le ampie strade della città tra locali storici, musei e nuove attività commerciali. In questi ultimi anni Torino vive un importante fermento nel mondo della ristorazione e del bere con un sacco di nuove proposte. Oggi seguendo le indicazioni degli The Fork Resturant Adward siamo stati in uno dei 10 locali selezionati a livello nazionale come nuove aperture dal gennaio 2018 al febbraio 2019. Siamo stati da Sesto Gusto dove lo chef Massimiliano Preti reinterpreta la pizza attraverso diversi impasti ile metodi di cottura.Ha portare avanti la sua candidatura è stato lo Chef Guido Alciati. Trascriviamo dal sito degli adward di TheFork “Il sesto gusto, secondo i ricercatori, è la sensibilità della bocca al sapore dei carboidrati. In pratica, quello che ci fa provare un grande amore per la pizza, il pane e tutti gli impasti a base di grano. Lo stesso amore che ci spinge a esplorare combinazioni nuove partendo dai cibi più genuini, attraverso le specialità delle regioni d’Italia e del mondo. Massimiliano Prete da anni sperimenta i modi migliori di combinare la grande tradizione della pizza e la precisione della pasticceria, il gusto per la cucina autentica e la costante ricerca sui lievitati.

Per cui dopo aver superato il caldo e il giardini Cavour, in via Provana troviamo Sestogusto questo bellissimo locale con un mix di arredamento tra i mattoni a vista e lo stile moderno. Siamo subito accolti con cortesia e siamo stati accompagnati al nostro tavolo.

Il menù è subito una sorpresa, un menu semplice ma dove lo chef attravero 3/4 tipologie per ogni pagina spiega la tipologia di impasto e presenta 3/4 abbinamenti. Abbiamo la versione piu classica della pizza, poi una pizza chiamata Pizz’otto con una crosta friabile e un interno soffice, una croccante e diverse pizze con impasti speciali. E’ molto interessante la proposta della varietà di farine e la assoluta qualità degli ingredienti

Per cui dopo aver sfogliato il menù, ordinato una buona birra iniziamo il nostro percorso.

Abbiamo provato l’Evolutiva, che a menù si presenta cosi ” base realizzata con una farina composta da oltre 70 varietà di grani antichi siciliani, un bouquet aromatico ampio e inebriante, un’emozione di Gusto Passata di pomodoro San Marzano, datterino confit, bufala dop ed emulsione al basilico”, trovando un perfetto equilibrio tra tutti gli ingredienti dove l’impasto era un perfetto contorno a tutti i sapori.

L’EVOLUTIVA

Dopo sempre dalla pagina delle speciali abbiamo assaggiato la Puccia. ” impasto 100% farina di grano duro con olive e cipolla Bufala dop, tonnetto del Mar Ionio, pomodori secchi e capperi di Pantelleria”, dove ho riscontrato una qualità sublime del tonno e un perfetto abbinamento con la dolcezza della bufala e il sapido dei capperi.

LA PUCCIA

E per finire in bellezza abbiamo deciso di mangiare un po di Piemonte, provanto una pizza della selezione Fermento, che come è spiegato nel menù ” Il metodo autolisi o idrolisi non si rifà altro che alla tecnica più antica che l’uomo abbia mai utilizzato, innescare una fermentazione spontanea senza l’aggiunta di alcun lievito, né lievito naturale, né pasta madre “. Abbiamo provato la Salsiccia con Salsiccia di Bra, nocciole igp su una crema di verdure e una spolverata di ricotta salata. Un gusto piacevolissimo, molto equilibrato dove tutte le dolcezze e le sapidità vanno a braccetto.

LA SALSICCIA

E’ stato un buon pranzo, che ci ha permesso di mangiare non la solita pizza, ma la passione e l’impegno di Massimiliano, perché qualsiasi ingrediente aveva una sua precisa collocazione. I nostri complimenti e un augurio per un futuro alla grande. Questa è stata un esperienza ZWIN che consiglio vivamente a chi si trova a passeggiare per Torino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close