2 GIORNI FUORI PORTA

Buongiorno amici di ZWIN, l’estate è ufficialmente iniziata, le giornae sono ancora abbastanza lunghe e la voglia di viaggiare è sempre a mille. Per questo ho deciso di analizzare un fenomeno in forte crescita: in italiano si usa il termine di staccare la spina o cambiare aria, vuol dire fare una vacanza breve di una notte fuori porta.

Rispetto ad una vacanza tradizionale questo tipo di vacanza è molto piu facile in quanto ad organizzazione ed gestione del proprio budget. Ogni occasione è buona per staccare la spina: una mostra d’arte, una manifestazione, un evento o semplicemente il rincontrarsi con qualche amicizia.

La cosa fondamentale è per 2 giorni fare qualcosa di diverso dalla quotidiana routine di casa, anche solo il dormire in un letto diverso ha sicuramente un forte impatto psicologico su di noi. Io sono delle idee che a livello aziendale le aziende debbano strutturare oltre il piano ferie anche magari la possibilità di avere durante l’anno un paio di momenti di questo tipo. Sicuramente la produttività ne gioverebbe.

Non dobbiamo vedere questo come fuga domenicale o relegarlo al week-end, ma dobbiamo fare in modo di avere dei nostri spazi anche durante la settimana, anzi forse è ancora meglio.

Valutiamo ora qualche punto per sviluppare queste fuge:

  1. La scelta della meta: non dev’essere oltre le 3/4 ore di viaggio come tempo massimo, preferibilmente servita da mezzi pubblici, quali treno o autobus, per non avere lo stress della vettura e approfittare del tempo di viaggio per rilassarsi.

2. A seconda della tipologia di fuga, città d’arte o rilassarsi nella natura, individuare una struttura ricettiva il piu comoda alle nostre esigenze, esempio se vado a visitare Pisa, e meglio avere un albergo il più prossimo al centro per sfruttare al meglio il tempo a mia disposizione.

3. Avere una idea il più precisa possibile, di quello che voglio vedere e quali attività svolgere, per organizzare al meglio le mie giornate, cercando di trovare sia del tempo da dedicare alla scoperta della città, ma anche del tempo per me, A volte e meglio fare qualcosa di meno ma farla al meglio.

4. Street lunch and good dinner : le pause pranzo le dedicherei alla scoprta della street food del luogo, per avere un ottimo rapporto qualità/tempo mangiando magari qualcosa da take away continuando la nostra visita e poi mi dedicherei alla ricerca di un buon ristorante per la cena.

5. Avere i giusti compagni di viaggio: e fondamentale in queste occasioni a seconda del tipo di fuga che uno sceglie, di avere i compagni ideali.Bisogna vere tutti lo stesso passo poichè bisogna ridurre al minimo i tempi morti. Il bello è che essendo delle fughe uno può una volta organizzare un due giorni d’arte visitando ogni via di una città, e magari quello dopo un totale relax magari in qualche terme.

Questi son alcuni consigli che potreste sfruttare quando volete staccare la spina, 2 giorni fuori porta sono sempre un toccasana, soprattutto per chi magari lavora in struture dove le ferie coincidono con magari le chiusure aziendali. Fortunatamente ogni angolo del mondo offre delle soluzioni fuori porta molto interessanti.

Spero che con questo articolo via abbia fatto venire la voglia di viaggiare, che quella non deve mai mancare un abbraccio e alle prossime esperienze ZWIN.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close